“Castelrotto” di Damiano Giacomelli nella selezione ufficiale del 41° Torino Film Festival

Il film, opera prima del regista marchigiano, è stato selezionato dal prestigioso festival cinematografico e verrà proiettato in anteprima assoluta il 27 novembre a Torino

Continuano le soddisfazioni per il cinema delle Marche con la notizia, appena condivisa in conferenza stampa dalla direzione artistica del 41° Torino Film Festival, che il lungometraggio “Castelrotto” del regista marchigiano Damiano Giacomelli, prodotto con il sostegno di Regione Marche – Fondi Por Fesr 2014-2020, Fondazione Marche Cultura, Marche Film Commission, è stato selezionato fuori concorso nella sezione “La prima volta” dalla famosa kermesse torinese.

Il film, scritto e diretto da Damiano Giacomelli, era stato selezionato a settembre tramite bando da Marche Film Commission e portato a Venezia fra i progetti marchigiani work in progress di grande valore artistico. Durante l’80ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, autori e registi marchigiani avevano avuto l’occasione di presentare le loro opere, in corso di realizzazione e mai proiettate, in un contesto unico di professionisti del cinema nazionale e internazionale come quello di Venezia, riscuotendo un grande successo di partecipazione ed enorme visibilità. Fondazione Marche Cultura e Marche Film Commission esprimono grande soddisfazione per il riscontro ottenuto dal film da parte di una delle più importanti manifestazioni cinematografiche internazionali.

“Torino Film Festival è uno degli appuntamenti di cinema più importanti in Italia ed Europa – commenta Chiara Biondi, assessore alla Cultura della Regione Marche – e potervi partecipare da protagonisti con un film indipendente che abbiamo sostenuto come Regione Marche, attraverso i fondi Por Fesr 2014-2020, ci riempie di soddisfazione. Con la nuova programmazione che mette a terra 5 milioni di euro destinati al settore e che fa parte di un intervento più ampio, in grado di concentrare ben 16 milioni di euro nelle produzioni cinematografiche, contiamo di continuare a promuovere grandi successi con film che sapranno raccontare le Marche al grande pubblico, come solo il cinema sa fare”.

La dirigente della direzione attività produttive ed imprese e del settore beni ed attività culturali della Regione Marche Daniela Tisi commenta: “È con grande soddisfazione che accogliamo la notizia della selezione di ‘Castelrotto’ al Torino Film Festival. Ciò che ci rende ancora più orgogliosi è sapere che il film sia stato girato interamente nelle Marche, da una produzione marchigiana e con professionisti del settore audiovisivo quasi esclusivamente locali. Questo rappresenta un’importante ricaduta economica, professionale e formativa sul territorio che mi auguro possa portare, con i nuovi fondi messi a disposizione del settore, ulteriori positivi sviluppi”.

IL FILM

Il lungometraggio racconta di un misterioso misfatto che scuote la vita di Castelrotto, paesino appenninico da sempre fuori dalla cronaca… e dalla storia. Ottone, ex cronista locale e maestro elementare in pensione, approfitta dell’episodio per riprendere la penna in mano e vendicarsi di un vecchio torto subito. Il suo piano è chiaro: manipolare il racconto del nuovo crimine per far accusare gli uomini che gli hanno rovinato la vita. Un revenge movie sulle fake news di paese, guidato da un testardo Don Chisciotte di provincia.

Questo il commento del regista e autore del film, Damiano Giacomelli: “Castelrotto nasce da un interesse per la cronaca locale del mio territorio, l’entroterra maceratese, negli anni immediatamente precedenti il sisma 2016, il periodo in cui anche su scala locale la carta stampata ha ceduto definitivamente il passo alle pubblicazioni online. Man mano che raccoglievo questo materiale ho iniziato a viverlo attraverso un filtro, una voce che poi è diventata il centro del film. Così è nato Ottone, un maestro decaduto che persegue la sua cieca vendetta personale e nel farlo si riappropria di una vitalità perduta. Determinante è stata l’interpretazione di Giorgio Colangeli, architrave umano e professionale su cui si è retta la lavorazione del film”.

Scritto e diretto da Damiano Giacomelli, il film è interpretato magistralmente da Giorgio Colangeli e vede la partecipazione di Fabrizio Ferracane, Denise Tantucci, Mirco Abbruzzetti, Giorgio Montanini, Antonella Attili, Ermanno De Biagi e Stanley Igbowke. Prodotto da YUK! Film srl con il con il sostegno di Regione Marche – Fondi Por Fesr 2014-2020, Fondazione Marche Cultura, Marche Film Commission e Ministero della Cultura, con la partecipazione di Malfè filmsrl.

Il film sarà proiettato in anteprima assoluta in concorso al 41° Torino Film Festival lunedì 27 novembre alle 22.00 al Cinema Romano di Torino.

“La selezione del lungometraggio al Torino Film Festival inorgoglisce tutto il cinema marchigiano”. Queste le parole di Andrea Agostini, presidente di Fondazione Marche Cultura. “È una conferma dell’importanza di investire nei talenti e nelle idee di questo territorio. Dopo aver presentato il film a Venezia, insieme ad altre ottime produzioni sostenute da Regione e Marche Film Commission, ‘Castelrotto’ inizia a spiccare il volo. Complimenti a Damiano Giacomelli, Torino gli ha già regalato soddisfazioni con la vittoria di ‘Spera Teresa’  nella sezione Corti di qualche anno fa e ci auguriamo tutti che la sua storia, spaccato di vita dei nostri borghi, possa conquistare, partendo da questo prestigioso concorso, il successo che merita”.

Grande soddisfazione per Francesco Gesualdi, responsabile Marche Film Commission: “Siamo molto felici di ricevere questa importante notizia che arriva in un momento di grande vivacità per il cinema marchigiano. È inoltre una grande soddisfazione per il lavoro che stiamo sviluppando come Film Commission, che dalla presentazione a Venezia ha contribuito a lanciare quest’opera prima fino al prestigioso palcoscenico di Torino, portando anche il delicato tema del cratere del sisma 2016 all’attenzione del grande pubblico nazionale e internazionale. Un plauso speciale va al regista e autore Damiano Giacomelli che ha saputo raccontare con sensibilità e ironia uno spaccato di vita di provincia abbracciando temi di grande attualità”.

Presentazione a Torino – Il fotoracconto dell’evento

Le Marche più autentiche conquistano una delle più prestigiose rassegne cinematografiche italiane!

Debutto entusiasmante per Castelrotto, il 27 novembre alla 41° edizione di Torino Film Festival. Il film diretto da Damiano Giacomelli e prodotto con il sostegno di Regione Marche – Fondi Por Fesr 2014-2020, Fondazione Marche Cultura, Marche Film Commission, è stato proiettato nella sezione fuori concorso “La prima volta”. Ottima l’accoglienza del pubblico in sala. Nel capoluogo piemontese presenti l’autore, il protagonista Giorgio Colangeli ed il cast, insieme al presidente di Fondazione Marche Cultura Andrea Agostini e al responsabile di Marche Film Commission Francesco Gesualdi.
Dopo la presentazione alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia a settembre, dove Castelrotto ha figurato insieme ad alcune opere selezionate da Marche Film Commission, un’altra affermazione per una produzione interamente girata nelle Marche, ambientata principalmente nella piccola Torchiaro, frazione di Ponzano di Fermo, con professionisti marchigiani. Il lungometraggio muove da un misterioso episodio di cronaca nel paesino appenninico di Castelrotto. Il protagonista Ottone, ex cronista e maestro elementare in pensione, ne approfitta per vendicarsi di un vecchio torto subito, manipolando il racconto del crimine per far accusare gli uomini che gli hanno rovinato la vita. Un revenge movie sulle fake news di paese, con la magistrale interpretazione di Giorgio Colangeli, affiancato da Fabrizio Ferracane, Denise Tantucci, Mirco Abbruzzetti, Giorgio Montanini, Antonella Attili, Ermanno De Biagi e Stanley Igbowke.


Per la natura del film, Torino è probabilmente il miglior festival dove presentare Castelrotto – commenta il regista Damiano Giacomelli – Qui ho avuto anche altre esperienze negli anni scorsi e proprio a Torino, nell’ambito di un festival, ho avuto l’incontro più importante con Giorgio Colangeli. Mi sento nel contesto giusto, siamo orgogliosi di questa prima, con l’auspicio sia un punto di partenza per il percorso del film”. Il protagonista Giorgio Colangeli parla di “una grande avventura umana, una full immersion in un contesto molto diverso dalla grande città, un ambiente umano, pieno di relazioni, anche di pettegolezzi, così vivo. È stato bello lavorare con Damiano, che scrive, gira e dirige benissimo e bene ha fatto Marche Film Commission a sostenere quest’opera: viva il cinema marchigiano”.
Emozionati anche gli altri interpreti presenti ieri a Torino, da Denise Tantucci, “perché è stato per me il primo film nelle Marche ed è speciale per questo”; a Mirco Abbruzzetti, che racconta un curioso aneddoto: “Gran parte di Castelrotto è girata a Torchiaro, frazione di Ponzano di Fermo, dove da ragazzino mi trovavo a giocare nei fine settimana con altri parenti. Anche per questo, recitare in questo film ha avuto un sapore particolare”.


Sono affezionato a Castelrotto, non solo perché Giacomelli è uno splendido artista e Colangeli un protagonista perfetto – le parole del presidente di Fondazione Marche Cultura, Andrea Agostini – Questo film incarna la nostra regione. Perché è una storia di provincia, girata nelle Marche più profonde, per il dialetto, per i luoghi, gli interpreti e la produzione. Chiudiamo un anno davvero intenso, che ci ha visti alle più importanti rassegne internazionali. Siamo partiti da Berlino, abbiamo proseguito a Cannes, dove abbiamo dialogato e ragionato con altre film commission regionali per comprendere le buone pratiche da far nostre; siamo stati protagonisti a Venezia ed ora ci troviamo a Torino. Le Marche iniziano davvero ad essere terra di cinema”. Un orgoglio condiviso dal responsabile di Marche Film Commission, Francesco Gesualdi: “Il nostro obiettivo non è solo quello di valorizzare il territorio marchigiano, ma di puntare sugli artisti e le produzioni di questa regione. Vederlo selezionato e ben accolto ad uno dei festival più importanti d’Italia ci rende felici di averlo sostenuto”.

Ecco la gallery fotografica a cura del fotografo Giulio Contigiani:

Ultime News:


19.07.2024

Casting Call: Cucine da Incubo

La produzione EndemolShine Italy per il programma dello chef Antonino Cannavacciuolo “Cucine da Incubo” sta cercando, in tutto il territorio nazionale, dei ristoranti che potrebbero diventare i protagonisti di una puntata dell’undicesima edizione di un famoso show televisivo che andrà in onda in prima serata su Sky Uno.  Lo scopo del programma è di dare una mano agli esercizi che si trovano […]

Roberto Catani in selezione alla 81ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Roberto Catani porta a Venezia “Il burattino e la balena”. Otto minuti di animazione realizzata interamente su carta, colorata con i pastelli a olio e rifinita a puntasecca. Un’opera liberamente ispirata a “Le avventure di Pinocchio” di Collodi, dove ogni frame è un quadro, la cura al dettaglio è totalizzante. Il film, coprodotto da MIYU […]

La prima foto ufficiale dal set del nuovo film di Alessandro Siani protagonista con Leonardo Pieraccioni della commedia “Io e te dobbiamo parlare”.

Sono in corso nelle Marche le riprese del nuovo film di Alessandro Siani “Io e te dobbiamo parlare”, con protagonista, oltre all’attore napoletano, Leonardo Pieraccioni. La commedia è una produzione Italian International Film (Gruppo Lucisano) con Rai Cinema, prodotta da Fulvio e Federica Lucisano, con il supporto logistico di Marche Film Commission e con il patrocinio e l’ospitalità del Comune di Ancona.   Una donna in comune, una figlia […]

Marche Film Commission incontra i protagonisti di Strike – Figli di un’era sbagliata

Una struttura scolastica di Potenza Picena sta accogliendo in questi giorni le riprese di uno dei film vincitori del bando cinema 2023. “Strike – figli di un’era sbagliata” è l’opera prima di tre giovani registi e autori che hanno potuto, anche grazie al finanziamento ottenuto dalla Regione Marche tramite Fondazione Marche Cultura in veste di organismo intermedio, trasformare quella che era un’opera teatrale in un lungometraggio […]

É online il bando di sostegno alle produzioni audiovisive PR FESR 2021-2027 per l’anno 2024

Tre milioni di euro, seconda tranche di un finanziamento complessivo da 16 milioni in tre anni, con fondi PR FESR 2021-27 stanziati dalla Regione Marche, per il sostegno al settore audiovisivo. Fondazione Marche Cultura, che opera in qualità di organismo intermedio della Regione, ha pubblicato il bando per l’annualità 2024 che incentiverà la realizzazione di […]

Scrivici:

    * Campi Obbligatori